Articoli

III domenica di Quaresima

Della Parola di Dio abbiamo sete, desiderio profondo, perché su di essa si gioca tutta la nostra vita. Leggendo il vangelo, che ci viene presentato oggi, ci colpisce il confronto tra la sete degli uomini e quella di Gesù, cioè tra i desideri coltivati dagli uomini e l’unico manifestato dal Signore.

La donna di Samaria viene ad attingere acqua, mentre i discepoli di Gesù hanno fame e vanno a far provvista di cibi in città. Gesù è rimasto presso questo pozzo, dove dalla città arriva una donna nell’ora più calda del giorno. Qualcuno si aspetterebbe che Gesù dicesse alla donna, come il patriarca Giacobbe in situazione analoga: «Vieni, ti aiuto a tirar su l’acqua!». E invece no, Gesù chiede un favore alla donna, che gli dia un po’ d’acqua da bere. Egli fa in modo che la donna non si senta inferiore, che ella percepisca di essere stimata, di poter essere utile, che la sua presenza sia gradita, lei che era stata già rifiutata molte volte dagli uomini. E mentre egli gode del gesto di amore della donna dissetandosi con l’acqua che ella gli ha offerto, parla di un’altra acqua, un’acqua viva che disseta le profondità del cuore.

Continua a leggere

I domenica di Quaresima

All’inizio della nostra celebrazione abbiamo chiesto perdono a Dio, anche oggi, come ogni volta che ci raduniamo, perché il peccato del mondo ci insegue e penetra le nostre ossa. Del peccato dell’uomo parla anche tutta la liturgia di questa prima domenica di Quaresima.

La prima lettura si sofferma a descrivere le varie fasi del sorgere del peccato nell’uomo, il modo con cui esso si origina in noi, e la stoltezza che l’uomo manifesta obbedendo più a se stesso e ai propri istinti che alla sapienza piena d’amore di Dio.

Continua a leggere

III domenica del tempo ordinario

In ogni nostra celebrazione avviene quello che l’evangelista Matteo dice quando inizia a raccontare l’apparire in pubblico di Gesù: “Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce”. Dalla tenebra, in cui ogni nostro peccato ci chiude, alziamo lo sguardo, perché il chiedere e ricevere il perdono ci apre orizzonti nuovi.

L’evangelista prende queste parole dal profeta Isaia: sono parole che abbiamo sentito nella prima lettura, nella quale egli ci assicura pure che le umiliazioni provenienti dal Signore saranno ricompensate con una gioia immensa: i villaggi della Galilea hanno subito grandi sofferenze, ma proprio essi saranno testimoni della luce nuova che viene dal Messia, dal Salvatore di tutti gli uomini! Le parole del profeta ci danno consolazione proprio nel mentre siamo anche noi sofferenti, mentre portiamo la nostra croce per l’obbedienza a Dio nel nostro dovere quotidiano e nella fedeltà alla missione ricevuta nella famiglia, nella Chiesa e nella società.

Continua a leggere

Giornata della Pace

Così benedirete gli Israeliti e direte loro…”: com’è bello e consolante sentire che Dio si preoccupa di benedire il suo popolo, e non lo vuol fare dall’alto dei cieli in modo che gli uomini nemmeno se ne accorgano! Gli uomini devono sapere che sono benedetti da Dio e quindi devono udire con le proprie orecchie le parole che li riempirà di consolazione e beatitudine. Ci sarà perciò qualcuno che pronuncia le parole suggerite da Dio, e questi saranno i sacerdoti, “Aronne e i suoi figli”. Il mistero dell’incarnazione comincia ad essere assaporato dagli uomini già in questo modo. Le parole della benedizione di Dio vengono pronunciate dalle labbra degli uomini, sgorgano dal loro cuore, portano con sè il soffio e il timbro della voce umana, ma sono di Dio, anche se necessariamente egli si serve di uomini peccatori! Dico necessariamente non perché è necessario che gli uomini siano peccatori disobbedienti a Dio, ma perché non se ne trovano di immuni dal peccato. Dio si adatta a questa situazione. Noi conosciamo la nostra difficoltà ad adattarci a questo e pretenderemmo che gli uomini di cui Dio si serve siano come angeli, a costo di rifiutarci di riconoscere il loro ministero. Non hai detto anche tu che fai fatica a confessarti da un uomo? E perché non chiedi mai la benedizione ad un prete? Pensi anche tu che egli non sia degno di pronunciarla?

Continua a leggere

Quarta domenica di Avvento

Per chi si è preparato, l’Eucaristia è più bella, e sarà certamente più fruttuosa, e la sua partecipazione un dono migliore ai fratelli.

Dio stesso ha voluto che il suo popolo sia preparato ad accogliere sia la sua Parola pronunciata in maniera comprensibile dal Figlio, che i suoi mirabili prodigi di salvezza: ha preannunciato molto tempo prima gli eventi. Oggi leggiamo nel libro del profeta Isaia le parole che vari secoli dopo Maria si è sentita rivolgere dall’angelo. Ella conosceva quelle parole grazie alla meditazione delle Scritture: era così preparata ad udirle come parole rivolte a lei, parole che la riguardavano in prima persona. E anche Giuseppe, come narra il vangelo di Matteo, ha udito parole simili nel sogno, parole già conosciute, che proprio per questo gli hanno dato sicurezza e pace nel prendere Maria come sposa.

Continua a leggere

Terza domenica di Avvento

Giovanni Battista si trova in prigione e sente parlare di quello che Gesù fa. Non era proprio quello che si era immaginato rispetto al messia che aveva indicato presente nel mondo. È lui oppure lui fa parte di coloro che precedono la venuta del messia? La domanda, nel suo risvolto angosciante, rivela la libertà del mistero di esprimersi al di fuori dei nostri schemi. Lo ‘scandalo’ è sempre in agguato. Perché il messia si muove così? Come mai la sua azione non corrisponde a quello che ci eravamo immaginati, che ci aspettavamo, che sembrava corrispondere alla stessa promessa di Dio? Non è solo la domanda del Battista, ma di tutti i credenti.

Continua a leggere

Prima domenica di Avvento

La Chiesa di rito latino inizia oggi il tempo di Avvento, quattro settimane impiegate ad esercitare quella vigilanza che ci deve caratterizzare sempre. Il cristiano vuole essere attento e vigilante a tutto quello che succede, sia per vedere dove riversare l’amore che Dio gli ha messo nel cuore, sia per difendere la propria fede dalle molte tentazioni e seduzioni che la insidiano, sia per riconoscere negli avvenimenti il rivelarsi della volontà del Padre. Oggi appunto sentiamo una pagina del vangelo in cui Gesù raccomanda, anzi, comanda la vigilanza. Egli stesso è il Signore “ che viene” per incontrare coloro che lo attendono.

Continua a leggere

XXXIII domenica del tempo ordinario

Avvicinandoci alla fine dell’anno liturgico diventa quasi naturale meditare sul momento che ci avvicina alla meta della nostra esistenza, al traguardo, e quindi alla fine di quanto abbiamo visto e goduto lungo il cammino.

L’occasione per parlare di questo futuro viene data a Gesù dai discorsi che egli ode nei piazzali del tempio di Gerusalemme. Questo tempio era una magnifica opera d’arte, una meraviglia per tutti. Come tutte le cose belle e buone anche il tempio diventava tentazione: tentazione di gloriarsi di esso dimenticando di alzare lo sguardo a Dio e di obbedirgli, cioè di essere attenti alla sua vera immagine, l’uomo che ci cammina accanto, anche se povero e sofferente.

Continua a leggere

XXXII domenica del tempo ordinario

“Non di tutti infatti è la fede”: con queste parole San Paolo spiega il motivo di molte sofferenze cui vanno incontro i cristiani. Essi vengono a trovarsi in mezzo a “ uomini perversi e malvagi”, che sono così perché appunto non hanno fede. La fede genera amore, la fede genera sapienza e cultura orientata a cercare la pace e le opere di bene, la fede cerca il conforto per tutti, la fede mette l’uomo in ricerca delle occasioni per donare se stesso. La fede infatti è dono del Dio dell’amore, il Dio  Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ha offerto se stesso per gli uomini peccatori.

Chi crede diventa capace di offrirsi e trova la sua gioia nel potersi donare.

Continua a leggere

XXVII domenica del tempo ordinario

Venite, applaudiamo al Signore, / acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.

Accostiamoci a lui per rendergli grazie, / a lui acclamiamo con canti di gioia!

Il salmo di risposta alla prima lettura ci fa contemplare Dio come colui che tiene in mano la nostra vita e la rende sicura, la realizza pienamente, la riempie di gioia!

Il brano del profeta Abacuc, a dire il vero, si apre con una lamentela rivolta al Signore. Molte volte il nostro sguardo è spettatore di situazioni penose, di sofferenza, persino di violenza e di ingiustizia. Liti e contese distruggono i popoli, e scoraggiano anche la nostra speranza. Ma proprio nel momento della nostra delusione e del nostro grido di aiuto Dio risponde con una parola di incoraggiamento. Possiamo continuare a sperare, perché Dio non si è dimenticato di noi. “ Ecco, soccombe colui che non ha l’animo retto, mentre il giusto vivrà per la sua fede”: Il  giusto, colui che si appoggia al suo Dio e vive obbediente alla sua parola, non deve temere. Semmai può temere “ colui che non ha l’animo retto”, perché questi non è aggrappato alla “ roccia della nostra salvezza”. Colui che obbedisce a Dio invece vive, ha gioia e sicurezza, grazie alla sua fede, grazie alla sua obbedienza alla parola di Dio.

Continua a leggere